IN EVIDENZA VIDEO

Eyes of Hitchcock, by Kogonada

I primi piani di Hitchcock sono come una sorta di stenografia, con gli occhi funzionanti come grandi, “serbatoi” densi di emozione che immergono immediatamente il pubblico nell’azione e nel terrore

Uno dei migliori videomaker in circolazione, Kogonada, specializzato nell’esplorazione dei tic stilistici dei grandi registi – come ad esempio la prospettiva di Kubrick – nel suo ultimo lavoro, per la Criterion Collection, esplora in un breve montaggio l’ossessione di Alfred Hitchcock per gli occhi.

Come gran parte del lavoro di Kogonada, il video espone il metodo dietro la follia e la genialità: la tecnica rigorosa e formale di Hitchcock è ben nota, e qui vediamo come abilmente ha usato gli occhi degli attori per esprimere quello che la con la sola macchina da presa non poteva fare. Ha impiegato questi primi piani come una sorta di stenografia, con gli occhi funzionanti come grandi, “serbatoi” densi di emozione che immergono immediatamente il pubblico nell’azione e nel terrore.