Chi sono gli HIKIKOMORI? – Il Quorum
NEWS Psicologia e Sociologia

Chi sono gli HIKIKOMORI?

Sempre più spesso ci capita di sentir parlare di ragazzi giovani isolati dalla realtà che li circonda. Si tratta dei cosiddetti “Hikikomori”, termine giapponese che significa “stare in disparte”. Si tratta di giovani tra i 13 e i 30 anni che vivono barricati nella loro camera da letto per mesi, o addirittura anni, senza aver nessun contatto esterno.

Se pensavamo che si trattasse solo di un problema sociale unicamente orientale, dove i casi riconosciuti sono quasi 1 milione, ci sbagliavamo di grosso; infatti oggi sono ormai più di 100.000 gli adolescenti in Italia che decidono di negarsi a qualsiasi legame sociale. Si sentono più al sicuro nei panni di ogni altro personaggio inventato all’interno di un videogame, dove la soddisfazione è data dall’aver completato un livello o avere ucciso più nemici possibili.

Purtroppo non si tratta di una becera dipendenza da videogiochi, che è solo la conseguenza di questo isolamento e non la causa; infatti i giovani in questa condizione sono spesso molto sensibili e introversi e non riescono ad affrontare con efficacia le inevitabili delusioni e difficoltà che la vita riserva.

Uno dei primi campanelli dall’allarme è il rifiuto della scuola che viene vissuta in maniera negativa e può celare delle manifestazioni di bullismo da parte dei coetanei. Inoltre gli Hikikomori hanno una visione molto negativa della società e soffrono prove e pressioni sociali dal quale tentano sempre di fuggire. Da qui si deduce anche una grande perdita di senso: la mancanza di uno scopo che giustifichi le azioni compiute, che quando viene meno mette in difficoltà tutti, non solo chi è chiuso in una cameretta al buio.

Un altro punto che desta particolare interesse è la tendenza al perfezionismo che è aumentata particolarmente nei giovani, non solo negli Hikikomori, che percepiscono gli altri particolarmente esigenti nei loro confronti. Questo porta a disturbi dell’ansia, paura di non essere mai all’altezza, atteggiamento autocritico e autolesionista.

L’obiettivo comune, spiega Marco Crepaldi presidente del Blog “Hikikomori Italia”, deve essere quello di alimentare le loro passioni e i loro talenti e non sopprimerli sull’altare della standardizzazione, o peggio castrarli, poiché diversi da quelle che sono le nostre aspettative su di loro.

Il Giappone invece, da vero paese all’avanguardia qual è, ha optato per una soluzione diversa: alcuni ricercatori asiatici hanno progettato “Fribo”, un robottino che “combatte la solitudine”. In che modo? Emette dei messaggi vocali in cui sprona l’interessato ad uscire e tornare ad avere contatti con le altre persone. Nel caso in cui l’utente approvasse, basterebbero due colpi sul tavolo per fare in modo che “Fribo” invii un messaggio preimpostato a tutti i ragazzi della rubrica, “Ciao, tutto bene?”, nella speranza che poi il giovane isolato porti avanti da solo la conversazione. Il rischio è quello di poter scambiare un robot per una presenza umana, cosa alla quale ormai siamo più che abituati. Non sarebbe il caso di “Fribo”, infatti il robot-gatto non può parlare, ma può solo facilitare i rapporti interpersonali. Quando e se dovesse arrivare in commercio è ancora ignoto, ma non sarebbe la prima volta che in Asia si cerchino soluzioni contro l’isolamento e la solitudine.

Vanessa Giani