Musica

LBL – Electric Tree live

Sabato 4 Ottobre @Rialto Sant’Ambrogio – Franco D’Andrea, Dj Rocca e Andrea Ayassot

Sabato 4 ottobre ha inizio LBL, il progetto dedicato a nuovi e imprevedibili incontri musicali, di scena una volta al mese al Rialto Sant’Ambrogio di Roma. LBL è insieme una netlabel, una factory creativa ed un generatore di insolite sperimentazioni sonore, che avrà il Rialto come punto di riferimento per presentare le proprie proposte in anteprima.

L’appuntamento del 4 ottobre vede come protagonista Electric Tree – l’inedito trio composto da Franco D’Andrea, dj Rocca ed Andrea Ayassot sul palco del Rialto alle 23. Un progetto nato dalla collaborazione tra due assoluti protagonisti della scena italiana come Franco d’Andrea e dj Rocca, in cui, grazie ad un’unica e condivisa curiosità verso gli infiniti linguaggi della musica, si confrontano passioni lontane, generazioni diverse e riferimenti culturali spesso distanti.

Franco d’Andrea è tra i migliori pianisti contemporanei e rappresenta l’eccellenza che il jazz italiano ha saputo partorire negli ultimi 50 anni. Un’unicità la sua, testimoniata da più di duecento brani composti, autorevoli riconoscimenti accademici, centinaia di collaborazioni con musicisti di tutto il mondo, masterclass tenute in diverse scuole e accademie. Fino, ovviamente, alle tante formazioni che ha saputo incendiare con il suo sconfinato talento, messo in luce ancora una volta in un progetto che, oltre allo storico producer emiliano, coinvolge un suo fidato collaboratore come Andrea Ayassot al sax.

Dj e producer già alla fine degli anni ‘90 con il Maffia Soundsystem – collettivo di resident dj nell’omonimo club di Reggio Emilia – Rocca è tra i primi divulgatori italiani delle sonorità breakbeat & drum and bass provenienti dalla scena del clubbing UK. Dal Maffia in poi, ha costruito una carriera fatta di release per alcune tra le più autorevoli etichette dell’elettronica europea (tra le quali Sonar Kollektiv, Hospital e Crammed) e collaborazioni con artisti di primo piano a livello internazionale (Dimitri From Paris, Zed Bias, Jazzanova).

Grazie anche alle evoluzioni del sax di Andrea Ayassot, il trio promette di sorprendere tanto nelle future produzioni, edite da LBL, quanto dal vivo, sfruttando l’energia imprevedibile del jazz e l’impatto emozionale della migliore elettronica.

Al termine del live sarà party time, con tre nomi storici del panorama clubbing italiano come dj Rocca, (costa) e dj Knuf, che si alterneranno insieme a Panni in consolle, nelle due sale del Rialto. Ciascuno col proprio inconfondibile stile, i 4 dj andranno a ricreare mood e ambienti sonori differenti per una serata densa e sempre in movimento.

L’evento sarà a ingresso gratuito con tessera Arci dalle 19 fino alle 22, con il dj set di Panni nel cortile del Rialto. Alle 20 Electric Tree realizzerà una prova aperta del live, per iscriversi e assistere basta inviare una mail ad info@lbl.today.

Dalle 22 ingresso con contributo associativo 7 € + tessera ARCI.

Cos’è LBL?

LBL si occupa di creare una realtà innovativa dando vita a iniziative artistiche che si basano sulla forte interazione tra i diversi linguaggi e generi musicali. LBL guarda al passato ponendo le basi per declinare il futuro: è un laboratorio, al suo interno si ideano, progettano, sviluppano e realizzano intersezioni tra musicisti solitamente distanti tra loro. Produttori provenienti dai diversi ambiti di contaminazione elettronica, dj e musicisti jazz di generazioni trasversali. LBL concentra le sue esperienze su diverse forme di espressioni: è una netlabel, ma anche un’etichetta discografica in senso tradizionale; è una piattaforma digitale nella quale recuperare materiale audio, video, fotografico e biografico degli artisti coinvolti e dei loro progetti; è un’agenzia che si occupa della comunicazione specifica di ogni progetto, sia sul versante più tradizionale (radio, tv, stampa), che su quello ormai imprescindibile dei new media; è una factory che plasma in maniera profonda il design, l’artwork e l’immaginario dei suoi lavori; si occupa di creare eventi live e seguire booking & management dei propri artisti. L’alta formazione che caratterizza LBL spazia infatti dal sound design all’ingegneria informatica, dal behavioural marketing alla realizzazione di eventi site-specific.

Insieme a tutto questo LBL rappresenta una possibilità e una nuova modalità di esplorazione della stratificazione della scrittura musicale, sia nella direzione del passato che in quella del futuro. LBL indica ciò che è inatteso, inconsueto ma anche ciò che si credeva passato una volta per tutte e che ritorna. Una zona d’intersezione tra più dimensioni sonore, che nasce dall’esperienza della trasmissione radiofonica Musical Box di Radio2 RAI – condotta da Raffaele Costantino per la regia di Federico Scoppio, con Matteo Strada in redazione – durante la quale si sperimenta, mescolando produttori e musicisti jazz. L’esperienza ora si è trasferita fuori dalle mura dello studio radiofonico, è andata a contagiare i festival e i club e ora finisce anche in rete, nelle piattaforme digitali, e nei negozi di dischi, con produzioni esclusive. L’incontro tra le sonorità nette degli strumenti del jazz e quella pastosa dell’elettronica contribuisce così a creare un suono distintivo e particolare, un’interazione compiuta, una musica di nuova concezione.