Cinema NEWS Serie TV VIDEO

Boom dei contenuti video online: una rivoluzione senza ritorno

Tra gli anni ’50 e gli anni ’60 il mondo musicale italiano ebbe un boom grazie alla diffusione, all’interno dei bar e locali, del jukebox, che offriva la possibilità di scegliere i singoli brani di diversi musicisti facendo della varietà a disposizione dell’utente uno dei suoi punti di forza.

Ecco, il video on demand è il jukebox dei nostri giorni e ha conquistato il podio delle preferenze degli utenti.

A essere cambiato, in realtà, è l’intero sistema culturale che, a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia, ha dovuto rimodulare la sua offerta, attraverso un significativo incremento e una diversificazione dei servizi digitali.

La chiusura di cinema e teatri e la permanenza all’interno delle proprie abitazioni hanno modificato le abitudini dei consumi culturali, rafforzando la fruizione tramite web. Privati dei nostri contatti sociali e delle relazioni umane, abbiamo scelto come nuovo compagno il digitale, che si è dimostrato un ottimo canale per la diffusione della cultura.

Innanzitutto, è aumentato il tempo dedicato ai siti di informazione quotidiana. Ma è aumentato anche il tempo dedicato ad altre attività come fare la spesa (+124% il tempo di navigazione sui siti della GDO), coltivare le relazioni sociali a distanza (+31% l’uso dei social network), l’intrattenimento online (+13% streaming video e musicali, dati emersi da un’analisi condotta da GFK).

Tra i vari contenuti di intrattenimento culturale, a essere cresciuto in maniera esponenziale è stato proprio il consumo di video, come indicano i dati di uno studio condotto dall’Osservatorio Digital Content del Politecnico di Milano, secondo cui durante il lockdown 73 utenti su 100 hanno effettuato l’accesso a contenuti informativi e di intrattenimento video.

La ricerca dimostra inoltre che, di pari passo con la crescita della domanda, c’è stata anche una diversificazione della tipologia di contenuti cercati e fruiti sulle piattaforme di video on demand.

Oltre a usare il web per informarci, guardare un film o una serie tv, lo abbiamo usato per svolgere tutte quelle attività non più consentite dalle limitazioni dovute alla pandemia. E così tutti abbiamo provato a fare una lezione di fitness o di yoga online, a seguire un corso di danza o una lezione di cucina, a imparare a suonare uno strumento musicale.

E abbiamo riempito il vuoto lasciato dall’impossibilità di viaggiare e di scoprire nuove realtà grazie alla visione di documentari.

Tra le varie piattaforme che hanno un catalogo diversificato capace di soddisfare i bisogni dei fruitori c’è Tuttivideo.com, che da 20 anni produce corsi e documentari con contenuti esclusivi.

Tuttivideo.com offre una library davvero ampia in cui è possibile trovare documentari storici, geografici, biografie, corsi di musica, di ballo, di cucina, sport, fitness e tanto altro ancora.

La particolarità di Tuttivideo.com consiste nell’innovativa formula acquista & guarda che consente all’utente, una volta effettuato il pagamento, di vedere il video immediatamente, senza limiti di visualizzazioni, di tempo e/o di dispositivi e senza alcuna interruzione pubblicitaria.

I video possono essere visualizzati direttamente sul sito www.tuttivideo.com su qualunque device: PC, smartphone, tablet, indipendentemente dal sistema operativo, e su smart TV e set-top box dotati di un browser.

È possibile mettere in pausa i video e farli ripartire, saltare avanti e indietro, ingrandirli a tutto schermo…

Inoltre, Tuttivideo.com permette ad autori e youtuber di ricevere una remunerazione in percentuale su ogni copia venduta e questo assicura una qualità molto alta dei contenuti offerti.

Per avere una conoscenza più dettagliata della piattaforma, è possibile visitare il sito https://www.tuttivideo.com/.

Fonte Stampa: Sendpress