Per Un Pugno di Dollari, rivive nei cinema – Il Quorum
Cinema

Per Un Pugno di Dollari, rivive nei cinema

Tornano restaurati nelle sale i capolavori della Trilogia del Dollaro di Sergio Leone

Un film cult del 1964, è tornato sul grande schermo.

In occasione dei 50 anni dall’uscita nelle sale di “Per un Pugno di Dollari”,  il direttore del Festival di Cannes, Thierry Frémaux, ha organizzato la proiezione del film a chiusura della kermesse cinematografica da poco conclusasi.

E chi, se non il regista Quentin Tarantino poteva essere il padrino dell’evento? Una scelta scontata, visto che il regista di “Pulp Fiction” considera Leone una delle sue principali fonti d’ispirazione e non ha mai fatto mistero di essere un grande fan del nostro cinema di genere, in particolare dello spaghetti western.

Quentin è un vero showman; su Sergio Leone si esprime come davanti ad una divinità:

“Leone (che pronuncia ‘lioni’) ha inventato il cinema di genere action, che è proprio nato con ‘Per un Pugno di Dollari’. Per questo non potevo mancare, è come il compleanno di un membro della mia famiglia, l’anniversario di una rivoluzione. Ha fatto con il cinema d’azione un po’ quello che io ho fatto con i polizieschi… è riuscito ad esprimere un cambiamento che era nell’aria. Come a me è capitata la fortuna di essere uno dei primi a fare film che erano una reazione alla repressione del cinema degli anni Ottanta, dove tutti i personaggi dovevano essere amabili e se c’era un cattivo doveva assolutamente redimersi entro l’ultimo quarto d’ora del film”.

LA STORIA

Per un Pugno di Dollari fu girato esattamente mezzo secolo fa con una coproduzione tra Italia, Spagna e Germania dell’Ovest, e impreziosito dalla memorabile Colonna Sonora di Ennio Morricone, dove la musica non è soltanto uno strumento di sottofondo, descrittivo, ma un elemento chiave, protagonista, al punto che il film venne montato seguendo la musica, una decisione mai presa fino a quel momento in sala di montaggio, tranne che in rarissime circostanze come in “Infedelmente Tua” del 1948.

Per Leone girare questo primo western fu un sogno realizzato:

“Quando cominciai il mio primo western – spiegò il regista nel 1964 – dovetti trovare in me stesso una ragione psicologica, perché non avevo mai vissuto in quel tipo di ambiente. E un pensiero mi venne spontaneo: era come se fossi il burattinaio dei pupi siciliani, i loro spettacoli erano leggendari ma anche storici. Se l’abilità del burattinaio consisteva nel dare a ogni personaggio una connotazione ulteriore relativa al paese specifico che i ‘pupi’ stavano visitando, io come cineasta dovevo creare una favola per adulti, una fiaba per ragazzi cresciuti; e il mio rapporto col cinema era quello di un burattinaio con i suoi burattini”.

Il film rivoluzionò la storia del cinema e lanciò l’icona western di Clint Eastwood.

Clint Eastwood inizialmente fu la disperazione di Sergio Leone. Quando se lo ritrovò davanti rimase sconvolto.

“Ha un viso d’angelo, è inespressivo, anzi ha due espressioni: una col cappello e una senza. Non è adatto per il mio Joe”.

Il regista avrebbe voluto Henry Fonda, che però venne ‘blindato’ dal suo agente che disse: “Una cosa del genere non la farebbe mai”. Una volta digerita l’assenza di Henry Fonda, con quel giovane biondo sul set, il regista creò una leggenda del cinema con un semplice accorgimento: il sigaro, inseparabile compagno di Joe.

“Proprio così – racconta Pier Giorgio Palladino, nipote di Giorgio Papi, produttore, per la Jolly Film, insieme ad Arrigo Colombo nel 1964 – questi almeno sono i racconti di mio nonno ascoltando i quali sono cresciuto. Eastwood negli Stati Uniti faceva cose per la televisione, in quegli anni stava girando una serie, ‘Rawhide’, ma era sconosciuto. E l’impatto di Leone con l’attore fu negativo, ma poi le cose cambiarono. ‘Tu non parlare, basta che hai il sigaro in bocca’, gli ripeteva in continuazione”.

Così nacque il mito.

Altro eccezionale attore co-protagonista del film fu Gian Maria Volontè che durante le riprese così si espresse:

“Sto facendo un filmetto in fretta e furia per pagare i debiti del “Vicario” (pièce teatrale da lui prodotta e interpretata finita sul lastrico); figuratevi che è un western italiano, e si intitola ‘Per un Pugno di Dollari’. Lo faccio veramente per un pugno di dollari, ma certo non può nuocere alla mia carriera. Mi hanno conciato come un matto, sono irriconoscibile, e nei titoli di testa avrò persino uno pseudonimo americano, John Wells. Insomma, non corro alcun rischio. Chi volete che vada a vederlo?”.

Il budget totale era di circa 100 milioni.

Dopo un’apparizione senza grande fortuna al Festival del Cinema di Sorrento, la pellicola venne programmata all’Excelsior, una vecchia sala nel centro di Firenze. Era fine agosto e alle prime proiezioni il cinema rimase quasi sempre vuoto. Quindi  la storia vuole, come raccontata in parte dallo stesso Sergio Leone, che dopo il primo weekend deludente, grazie ad un incredibile passaparola, pian piano la sala si riempì all’inverosimile, ed il film rimase in programmazione per sei mesi consecutivi. Da quel momento il successo di “Per un Pugno di Dollari” fu inarrestabile. Tanto da arrivare al Festival di Cannes come grande evento alla chiusura della manifestazione, nel 2014, cinquant’anni dopo.

IL RESTAURO

Il negativo originale Techniscope è stato digitalizzato e restaurato con una risoluzione 4K, un lavoro eseguito dalla Cineteca di Bologna insieme alla Unidis Jolly Film, l’Hollywood Foreign Press Association e la The Film Foundation di Martin Scorsese (con il direttore della fotografia Ennio Guarneri supervisore dell’intero restauro), che ha consentito di riportare i colori alla loro versione originale. Anche le musiche sono state rimasterizzate, seguendo le indicazioni dello stesso Ennio Morricone.

A Cannes sono stati proiettati anche gli altri due film della “Trilogia del Dollaro” (sempre restaurati dal Laboratorio ‘l’Immagine Ritrovata’): “Per qualche Dollaro in Più” del 1965 e “Il Buono, il Brutto e il Cattivo” del 1966.

Da giugno, per almeno sei settimane, questi capolavori, nella nuova versione restaurata, torneranno anche nelle sale italiane.

…E adesso Ramon Rojo può morire sputando sangue.

 Katia Valentini