ENTERTAINMENT Serie TV

Orange is the new black, quarta stagione: anticipazioni, trailer e recap

Dove eravamo rimasti e cosa dobbiamo aspettarci

Dal 17 giugno Netflix metterà on-line la quarta serie di Orange is the new black. Buone nuove: Netflix rinnova la creazione di Jenji Kohan per altre tre stagioni.

COSA SUCCEDERA’Il trailer della quarta stagione di Orange is the new black:

LE NOVITA’ DELLA QUARTA STAGIONE Il carcere di Litchfield si rinnova e diventa privato, cambiano le regole, aumentano le guardie e arrivano cento nuove detenute. Nelle prime tre stagioni gli spazi personali da condividere presentavano già dei limiti all’umana sopportazione, probabilmente adesso il grande protagonista della serie sarà proprio il sovraffollamento. Le nuove arrivate favoriranno senza dubbio l’intreccio ad alta tensione della trama, come se non fosse già un leitmotiv. Da tenere sotto controllo l’entrata di un nuovo capo delle guardie: Desi Piscatella (Brad William).

NUOVI ARRIVI E GRADITI (?) RITORNI – Dalla presenza dell’attrice Natasha Lyonne, in una serata incontro al Paley Center di Los Angeles, possiamo supporre un ritorno del personaggio di Nicky, trasferita in un carcere di massima sicurezza nella terza stagione. Lyonne non ha però confermato né aggiunto altre dichiarazioni.
Kate Mulgrew, che interpreta Red, è tornata a capo delle cucine del carcere dopo una lotta feroce con Gloria Mendoza (Selenis Leyva): riuscirà a mantenere il comando dei fornelli? Per ora sappiamo che la nostra chef si avvicinerà di nuovo a Healy (Michael Harney): lo sfrutterà ancora per avere potere?

LE DOMANDE Alex (Laura Prepon) è sopravvissuta al sicario? Dal trailer non ricaviamo alcuna informazione ma, da un’intervista rilasciata dall’attrice al Guardian, abbiamo la conferma di Vause tra i personaggi anche se “Non può dire di più”. Arriviamo adesso all’interrogativo caldo della serie, ovvero lo sviluppo narrativo del personaggio interpretato da Taylor Schilling: Piper Chapman. I giorni di prigionia, la violenza psicologica e anche fisica, hanno fatto sì che Piper perdesse l’aura di candore che ne caratterizzava l’iniziale comparsa al penitenziario. Quando la incontriamo la prima volta, scopriamo che a consegnarla alla giustizia è proprio Alex, l’amore della sua vita, in cambio di vantaggi sulla pena da scontare. Illusa e demotivata, inizia una metamorfosi su sé stessa, un processo di decostruzione e rinnovamento che la restituisce completamente diversa. Eppure, scoppia ancora la passione tra le due ma succede qualcosa, puntata dopo puntata: la vedremo tenere le fila di un traffico erotico di biancheria intima, vendicarsi della nuova amante Stella (Ruby Rose) e prendere le distanze dal momento di fragilità e bisogno di Alex. Se Litchfield è una giungla, Piper spende ogni minuto a lottare per la sopravvivenza. Spietata, sempre vigile e improvvisamente arida: è uno scudo o è cambiata per sempre?